MODERATO nell'atteggiamento, DETERMINATO nei valori

Articoli con tag ‘calcio’

Il campetto al Robinson di scena in Consiglio Comunale

Mi piacerebbe sapere l’idea che si è fatta la gente che ha partecipato all’ultimo Consiglio Comunale.

Il campetto è stato visto solo ed esclusivamente come PROBLEMA. L’assessore ha fatto una ricostruzione cronologica degna del miglior Emilio Fede (in fatto di obiettività). Il Sindaco ha lanciato ingiurie verso l’opposizione senza fare UNA SOLA PROPOSTA. E il Presidente – sperando che le opposizioni, per protesta, abbandonassero l’aula lasciandogli campo libero per i suoi giochi con i successivi punti – calpestando il regolamento ha tolto la parola a tutti. Io non ho potuto parlare, anche se il regolamento assegna ad ogni consigliere il diritto di intervenire per almeno 10 minuti. E avrei detto cose non ancora dette prima. In particolare, avrei proposto di organizzare una assemblea aperta, in cui tutti possono parlare e dire la propria opinione, invitando tutte le parti interessate: l’Amministrazione, i condomini attigui al campetto, i ragazzi che vi giocano e il Consiglio Comunale dei ragazzi che ha chiesto quello spazio. Aperto naturalmente a tutti i cittadini che hanno qualcosa da dire e da proporre. Credo che oltre alle lamentele, ognuno avrebbe potuto ascoltare gli altri e proporre alternative

 Mi sarebbe piaciuto sentir bocciare questa proposta!!!

 Invece così – pare – il Sindaco farà togliere le porte per accontentare coloro che si sono lamentati. Ai ragazzi verrà fatta calare una decisione dall’alto senza averli coinvolti. Bella educazione,  potranno dire!!!

Annunci

Campetto di calcio del Parco Robinson

Negli ultimi tempi a Cordenons ha trovato spazio nei giornali la questione del campetto di calcio del Parco Robinson.
Questo campetto è uno dei risultati della attività del Consiglio Comunale dei Ragazzi, un progetto che ha come obiettivo educare i ragazzi alla coscienza civica.
Tale campetto, posto a ridosso del condominio Nettuno (quello fronte piscina, per capirsi) ha comportato disagi non proprio banali:
– polvere sollevata che ha impedito l’uso dei giardini privati del cond. Nettuno
– disturbi provocati da un uso non proprio corretto della struttura (orari, tono di voce, agonismo eccessivo, bestemmie, maleducazione varie….).
Alle lamentele di alcuni residenti del condominio, il sindaco Ongaro – da quanto si apprende dalla stampa – aveva deciso di rimuovere il campetto.
Come consigliere comunale ma anche come adulto e genitore, ho inviato una lettera al sindaco (lettera a Ongaro per parco). Non ho mai ricevuto riscontro, nè la mia disponibilità a parlarne è stata colta (malgrado si dichiari “sindaco del dialogo”).
Ma il 30 agosto è stata inviata una proposta di spostamento del campetto (ma come, non aveva deciso di rimuoverlo??): comunicazione comune per campetto Robinson
Ogni condominio si esprimerà su tale proposta (è facile immaginare che i condomini che si vedono avvicinare il campetto esprimeranno contrarietà a questa soluzione).
Da parte mia, ho maturato una convinzione che mira si’ a difendere il campetto (perchè i ragazzi hanno diritto ad avere uno spazio adegiato), ma anche a far crescere educazione e maturità da parte dei ragazzi stessi, per far coesistere i diritti dei ragazzi ma anche quelli dei residenti: opinione Venerus su campetto Calcio Robinson

Il sindaco del NO

Dopo aver detto in lungo e in largo che “bisogna ascoltare la gente” (è o era il suo mantra) il sindaco Ongaro, alla prova dei fatti, pare cambiare rotta.

Premetto: a mio avviso, ascoltare la gente significa ascoltare tutte le persone coinvolte da una certa questione e le assemblee di quartiere rappresentano la modalità più opportuno. Evidentemente per Ongaro non è cosi’.

E’ bastato che alcuni (e sottolineo alcuni) cittadini si lamentassero per il campetto di calcio del parco Robinson della piazza e la sua ricetta qual è? Si tolgono le porte! E’ bastato che qualche cittadino si lamentasse perchè di sera i ragazzi si fermano nello stesso parco e la sua soluzione? Si tolgono le panchine!

L’ultima riguarda il cimitero. Siccome ci sono troppi furti (ma quanti, per davvero?), si chiude il cimitero durante la pausa pranzo!

La politica è mediazione. Pare che Ongaro – timoroso delle lamentele di pochi – piuttosto che cercarla la mediazione (che costa faticoso confronto) preferisca dire sempre NO! In barba a quello che pensano TUTTI i cttadini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: